Møbeltre

Tecnologie per il mobile

 

Un “amore” per Scm nato tra i fiordi

L’imprenditore Håvar Tandstad da 16 anni utilizza solo macchine del Gruppo Scm ed è stato uno dei primi acquirenti della Morbidelli Author M100: “Questa macchina risponde alle mie esigenze di produzione flessibile, risparmio tempo e spazio”. L’azienda, che produce anche box per le tende dei rifugiati, è in continua espansione.

Håvar Tandstad, titolare della Møbeltre AS, ha fondato la sua azienda 16 anni fa a Straumgjerde, un borgo a Nord Ovest di Oslo, dove il lago Fitjavatnet sfocia nel Sykkylvsfjorden. La Møbeltre occupa mediamente 24 lavoratori e produce componenti per il mobile con cui aziende norvegesi creano arredi che riscuotono enorme successo.  

Håvar Tandstad, quindi, conosce bene le dinamiche di mercato. In particolare ha ben chiara la tendenza che si è imposta negli ultimi anni per molti suoi clienti: le aziende hanno abbandonato i grandi ordini di pezzi standardizzati, e puntano su piccoli lotti, differenziando la produzione, richiedendo lavorazioni estremamente customizzate. E nelle intenzioni di Håvar tutto ciò si traduce in una sola parola: flessibilità.  

La sua azienda deve essere in grado di produrre in tempi rapidissimi piccoli lotti che spesso, anche quotidianamente, cambiano. Per affrontare questo problema è necessario essere all’avanguardia tecnologica e per questo motivo l’imprenditore norvegese ha sempre utilizzato macchinari con marchi Scm Group.  

Come spiega bene Håvar: “Ci vengono chiesti prodotti sempre più customizzati, e i tempi di consegna si accorciano. La nostra azienda lavora prodotti di alta qualità, e non può essere diversamente visto che in Norvegia il costo del lavoro è alto. Per i prodotti di bassa qualità le aziende si rivolgono all’estero. Con i nostri clienti abbiamo una relazione “one to one”, ognuno ha le sue peculiarità e noi riusciamo a soddisfarli con le nostre forniture”.

 

La Møbeltre lavora soprattutto pannelli in compensato, MDF, e “Glulam” (laminato incollato), il pino incollato che presenta performance paragonabili al legno massello. In particolare vengono realizzate pezzi di una sedia di alta qualità che viene poi esportata in un contenitore di legno, a sua volta un prodotto di qualità.  

Håvar Tandstad in questi ultimi anni si è specializzato anche in una particolare produzione che ha subito un’impennata di ordini. La Møbeltre infatti realizza dei box in compensato che contengono le tende dei profughi. Come dice Håvar: “Quando vedete in televisione gli accampamenti dei profughi che stanno sorgendo ovunque in Europa, sappiate che parte di quel lavoro proviene anche dalla mia azienda”. Tra l’altro il compensato utilizzato per questa produzione viene importato dall’Ucraina e anche in questo caso la difficile situazione internazionale ha alzato il prezzo del materiale.  

Oltre al legno la Møbeltre ha una piccola produzione di pezzi di plastica che fornisce ad aziende che ne fanno richiesta.  

Håvar non esporta direttamente i suoi prodotti, ma li fornisce ad aziende che invece puntano forte sull’export, soprattutto verso gli altri paesi Scandinavi, la Germania, Stati Uniti, Giappone e Cina.

Un tema molto sentito in Norvegia è l’inquinamento: “Abbiamo una legislazione severa e anche in questo caso la tecnologia della macchine mi permette di lavorare tranquillo. La stessa cosa succede con gli sprechi della lavorazione, anche in questo caso abbiamo ridotto al minimo gli sprechi.  L’unico problema nel lavorare a queste latitudini è il costo del riscaldamento. Per fortuna in Norvegia non abbiamo il problema dell’energia, ma anche in questo settore facciamo di tutto per non sprecare inutilmente risorse”.  

Per quel che riguarda le tendenze future Håvar Tandstad non ha dubbi: “Chi non sviluppa e non applica al massimo le nuove tecnologie sarà in difficoltà nel futuro mercato. Non ci sono possibilità di sopravvivenza per aziende tecnologicamente arretrate. Lo sviluppo tecnologico è fondamentale e lo sarà sempre di più”.  

La sua azienda è fase di espansione ed è proprio in questa ottica che Håvar Tandstad ha deciso di acquistare una Morbidelli Author: “Il nuovo centro di lavoro a cinque assi ci permette di sviluppare la produzione risparmiando tempo e denaro. Questo nuovo centro di lavoro rappresenta un grande salto in avanti perché il suo utilizzo è semplice e intuitivo, mi permette di risparmiare spazio in azienda perché non ha recinzioni  perimetrali e l’operatore può operare attorno a tutta la macchina”.

Fondamentale anche il rapporto tra Håvar Tandstad e Bergsli, dealer norvegese di Scm: “Tra noi parliamo norvegese ed è facile trovare le soluzioni ai problemi della mia azienda. Il rapporto con Scm è eccezionale, la risposta è sempre pronta, le macchine del resto non hanno mai avuto particolari problemi, hanno sempre lavorato senza alcun stop e sono assolutamente affidabili”.

Møbeltre (Norvegia)

Furniture components manufacturer

www.mobeltre.com

Prodotti correlati

Centro di Lavoro per Foratura-Fresatura Morbidelli M100 / 200 - SCM Group

morbidelli m100/200

Centro di lavoro altamente modulare in grado di risolvere tutti i problemi di lavorazione del legno. Pochi click per creare e realizzare pezzi di qualsiasi forma, grazie alla Suite Maestro che governa la macchina dispone di moduli specifici per ogni...